Concerto dell’Epifania 2012

Giovedì 5 gennaio 2012, Sicilia a Saronno ha presentato alla città il Concerto dell’Epifania che, negli auspici dell’Associazione, dovrebbe ripetersi  annualmente. 
Il presidente Corrado Belfiore, introdotto dal brillante presentatore Giovanni Vaccaro, ha esposto tre brevi notazioni. Il concerto si inscrive nel novero degli scopi sociali che prevedono la promozione di eventi culturali, come indicato nello statuto.

L’associazione, sorta nell’aprile del 2009, e aperta anche a chi non è nativo dell’isola, conta, fra i propri iscritti, molti saronnesi doc che partecipano alle manifestazioni di volta in volta proposte. Il compiuto radicamento dei siciliani nel tessuto sociale della città e la condivisione della quotidianità della vita hanno suggerito un evento da annoverare fra gli appuntamenti eccellenti della comunità cittadina, un segno di affettività identitaria e un corale omaggio a Saronno. Con le dovute proporzioni: il Concerto di Capodanno a Vienna, il Concerto dell’Epifania a Saronno. Al concerto è stata connessa un’iniziativa benefica a favore dell’infanzia, segmento più fragile e indifeso in ogni paese del mondo. Donare ad un asilo comunale, uno ogni anno, materiale didattico, giochi e attrezzature varie aiuta i bambini, nel primo momento di socializzazione, a crescere, perché fa loro comprendere che anche al di fuori del mondo circoscritto e protetto in cui vivono vi sono persone fattive, disponibili e solidali. Concluso l’intervento del Presidente iniziava il concerto.

Fin dal primo brano in repertorio si è stabilito un clima di soddisfazione e sintonia fra i circa cinquecento spettatori e gli esecutori, orchestra, coro e solisti. Ma in maniera entusiastica con il maestro Marco Raimondi per la brillante direzione e per la didattica preventiva ad ogni brano, condita da aneddoti e riferimenti al contesto dell’opera dal quale è tratto. Applausi prolungati al direttore, a Lucia Ellis Bertini ad Andrea Semeraro, a coro e orchestra da un pubblico emozionato e partecipe che ha mostrato di gradire le esecuzioni fuori repertorio culminate con l’inno di Mameli cantato in coro e in piedi da tutti i presenti. Dopo, sulle note del brindisi dalla Traviata nelle orecchie, in sala Nevera a “far fuori” in men che non si dica dolcetti siciliani, panettoni e coppe di spumante. Il concerto ha avuto espresso gradimento nelle autorità civili, religiose e militari presenti e larga eco nella stampa che ha così titolato:”Sicilia a Saronno, concerto con tutto esaurito”- La Prealpina – “Tutta la città al teatro Pasta per il concerto dell’Epifania” – La Provincia di Varese -. Arrivederci al concerto dell’Epifania del 2013.


 


 

503 visite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *